Papa Francesco a Verona: altare e sedute realizzate da un’azienda del Distretto del marmo Monica Maggio 22, 2024

Papa Francesco a Verona: altare e sedute realizzate da un’azienda del Distretto del marmo

 

Ecco l’altare della messa per Francesco. Già deciso il suo utilizzo dopo la visita del Papa

di Zeno Martini

 L’ARENA DI VERONA DEL 15 maggio 2024

 

L’altare e la sedia per il Papa quasi pronti nell’azienda Piero Zanella di Soave (Pecora)

È un’azienda veronese, esattamente di Soave, la Piero Zanella Srl Arte e scienza della pietra (Art and science of stone, nella dicitura originale del marchio) ad aver realizzato l’altare, il “trono” dove siederà papa Francesco, più altri quattro sgabelli per i concelebranti, l’ambone con sotto una predella di due gradini (leggio per le letture) e il portacero pasquale. Sono gli arredi sacri che verranno impiegati sul palco alla messa di sabato 18 maggio, allo stadio Bentegodi, officiata dal pontefice durante la sua visita pastorale. E conclusa la celebrazione, l’altare e gli altri arredi torneranno a disposizione della diocesi che ne farà dono a parrocchie veronesi che ne

La scelta del marmo per papa Francesco

Sono stati proprio il proprietario Pietro Zanella, assieme al figlio Carlo, ad aver proposto e poi selezionato il marmo e aver costruito quanto chiesto dalla diocesi veronese per la messa pontificale. Altare con mensa di tre metri per un metro mezzo, ambone, portacero e scranni sono stati costruiti a Soave in marmo ammonitico di Rubbio, estratto dalla cava dell’Altopiano di Asiago.
Dalla venatura del marmo sono risultate due ammoniti che il costruttore ha deciso di mettere in evidenza nella sede del celebrante.
«A seguito dell’incarico prestigioso e irripetibile ricevuto dal vescovo Pompili, al quale siamo grati, abbiamo avanzato una nostra proposta per gli arredi liturgici della solenne celebrazione eucaristica del Santo Padre», racconta il titolare dell’azienda, Pietro Zanella, «che è stata accolta. Abbiamo recepito le indicazioni di don Carlo Dalla Verde, dell’ufficio liturgico diocesano. Le prescrizioni raccomandavano la semplicità estetica e la pulizia delle linee».

Roberto Brizzi: «La statua per Francesco? È stata una vera sfida»

Nell’azienda di viale dell’Industria, nella Zai di Soave, mercoledì scorso, sotto i nostri occhi, sono stati assemblati gli arredi liturgici (in anteprima per i nostri lettori), che domani mattina, alla vigilia della visita papale, verranno portati allo stadio Bentegodi.
La grande esperienza, lunga quasi un secolo, gioca a favore dell’azienda soavese, sia nell’efficienza che nel risultato finale, ineccepibile e che ancora deve vedere lo stesso vescovo di Verona, monsignor Domenico Pompili: egli scoprirà il risultato dell’incarico sabato stesso.
La curia vescovile ha avuto assoluta fiducia nell’azienda Zanella, anche per i tempi celeri di esecuzione che l’organizzazione della visita papale ha imposto.

L’altare e la sedia per il Papa quasi pronti nell’azienda Piero Zanella di Soave

La Piero Zanella da 30 anni a Soave, ma con una storia lunga 98 anni – partita dal capostipite e fondatore dell’azienda Pietro Zanella, proseguita con suo figlio Giuseppe, con il nipote Pietro, l’attuale proprietario, che lavora con la quarta generazione della conduzione familiare Carlo – ha creato strutture architettoniche, religiose e artistiche in tutto il mondo, fornendole anche per l’Empire State Building di New York e per il museo del cinema di Los Angeles, solo per citare alcune opere.
Per limitarci agli altari e ai sedili dei celebranti, la ditta Piero Zanella ha costruito di recente l’altare della basilica di Santa Maria Assunta in Gallarate (Varese), quello della chiesa parrocchiale di San Vittore ad Arcisate sempre nel varesotto, nonché l’altare e le sedute della cattedrale di cristallo della diocesi cattolica di Orange – Anaheim di Los Angeles.
«Una volta conclusa la visita di papa Francesco», conclude il proprietario, «riporteremo questi arredi liturgici usati per la messa al Bentegodi qui in azienda, a disposizione della diocesi veronese che ne è la proprietaria».
La curia potrà disporne a proprio piacimento, per le parrocchie veronesi che avranno necessità di queste strutture da usare nelle chiese che ne sono

 

Write a comment
Your email address will not be published. Required fields are marked *